relazioni

illustrazione-relazioni

Hai mai tradito?

Probabilmente si.

Le statistiche (dati Istat del 2015, anno dell’introduzione del “divorzio breve”) ci dicono che il numero dei matrimoni fallimentari è aumentato dopo solo un anno, vorreste dirmi che è stata una legge a rovinare tutte quelle relazioni?

Non credo!

Penso però che la semplicità alleggerisca le responsabilità e che dove prima si ricorreva alla clandestinità per poi magari ritornare sui propri passi, oggi con pochi euro, ci si sente in pace con la coscienza, pronti a ricominciare una nuova avventura!

Ma il problema secondo voi è la superficialità quando si sceglie il coniuge o l’incapacità di progettare in coppia a complicare tutto?

Forse semplicemente il fatto che l’essere umano non è un animale monogamo, ed anche se le regole sociali ci impongono di avere relazioni stereotipate (rendendo in alcuni casi le nostre vite claustrofobiche e disumane) forse dovremmo imparare ad ascoltarci meglio in modo da non sottovalutare gli impegni che ci apprestiamo a prendere!

Quando iniziamo a sentire castrante una relazione, le nostra quotidianità si complica,  facendoci diventare scontrosi e tristi, peggiorando di conseguenza ogni sfaccettatura della nostra vita, dal lavoro alla famiglia tutto sembra pesare di più fino a sentire il bisogno di ritrovarci che spesso ci porta a scappare.

Probabilmente la nostra cultura, che favorisce una scarsa autocoscienza, confonde emozioni e sentimenti creando certe volte troppe aspettative, è vero, ma di sicuro in certi casi ci rendiamo conto, pur non essendo così pretenziosi, che la nostra vita è realmente troppo faticosa.

Come sostiene Bauman, infatti, lo scambio tra le persone è necessario per il funzionamento di una relazione e la coppia inizia a scricchiolare quando ci rendiamo conto di pensare più a ciò che ci manca rispetto a ciò che abbiamo.

Io credo che il discorso sia molto complesso, e penso che uno dei cardini possa essere il concetto di “possesso” della persona e quindi la gelosia., personalmente ho risolto i miei problemi col poliamore, che per me rappresenta la soluzione più congeniale.

Sperimentando infatti, mi sono resa conto che sto molto meglio così, e  pur mantenendo una relazione primaria ho legami molto forti con quelle secondarie che mi garantiscono una rete sentimentale ancora più solida.

Ma può essere ipoteticamente un miglioramento sociale?

Forse si, ad ogni modo, anche se c’è ancora molta strada da fare, è chiaro che presto o tardi la monogamia per come la conosciamo oggi sarà inevitabilmente un ricordo.